Bentornati da Benìss

Benìss Caffè Bistrò è aperto

Ripartiamo insieme!
Locale sanificato e più spazioso per garantire la salute di tutti.
Precorso di accesso regolato, tavoli distanziati con possibilità di prenotazione per la pausa pranzo, menu digitale su smartphone, area giardino sempre a disposizione, servizio asporto su ordinazione. 

Colazione | Pranzo | Merenda | Aperitivo

Vai alla pagina del negozio online

Iscriviti alla newsletter

Seguici su Facebook

Guardaci su Instagram

Vivi Benìss – Le notizie

27 ottobre – Cena didattica – L’abbinamento del vino

L’ultima serata del corso di introduzione al vino è la più interessante e… appetitosa.Per questo è aperta a tutti (non solo a chi ha frequentato il corso) Una cena dedicata alla scoperta del vino e alle regole per l’abbinamento con il cibo. Non mancheranno consigli per la sua scelta e degustazione. La serata

23-26 settembre – Fashion Week

Inizia la settimana della moda al BenìssTutti i giorni da martedì 23 a sabato 26 settembre Atelier Pamela Spose presenta la collezione AUTUNNALE della linea sportiva / sartoriale CASUEL Tutti i giorni da martedì 23 a sabato 26 settembre partecipa alle sfilate di presentazione della collezione AUTUNNALE di CASUEL il tuo sartoriale quotidiano firmato Pamelaspose, disegnato e creato su misura.  SAVE …

Chi siamo

Benìss è tutto questo

Un luogo dedicato al gusto, il primo concept store interamente ispirato alla tradizione della confetteria italiana, un locale dove accogliervi come ospiti ed offrirvi durante tutta la giornata tante prelibatezze.

Il nome

Binìs (pron. /bi’ni:s/) o Benìs (pron. /be’ni:s/) lombardo, sostantivo maschile inv.: Confetto, Confetti
Dal latino BENEDICTUS, in riferimento alla benedizione impartita ai fidanzati da parte del parroco per la promessa di nozze.

Purtà i benìs: portare i confetti, invitare al matrimonio.

Dà via i benìs: offrire i confetti, sposarsi.

Vestii de benìs, scarp de benìs etc.: gli abiti o accessori indossati per il giorno delle nozze

Dac un binìs a un asen: dare un confetto ad un asino, sprecare qualcosa di grande valore dandola a chi non la sa apprezzare, fare un favore senza che venga apprezzato.